Somministrazione farmaci

Print Friendly, PDF & Email

PROCEDURA PER LA SOMMINISTRAZIONE DI FARMACI A SCUOLA

L’esistenza di problematiche connesse alla presenza di studenti che necessitano di somministrazione di farmaci in orario scolastico esige interventi finalizzati a tutelarne il diritto allo studio, alla salute ed al benessere all’interno della struttura scolastica, con le modalità indicate nel protocollo d’intesa tra Regione Umbria e Ufficio Scolastico Regionale dell’Umbria per la somministrazione di farmaci in ambito scolastico emanato il 4 dicembre 2013.

Riferimenti normativi

-Linee guida per la somministrazione dei farmaci in orario scolastico – 25/11/2005: […] per la definizione degli interventi finalizzati all’assistenza di studenti che necessitano di somministrazione di farmaci in orario scolastico, al fine di tutelarne il diritto allo studio, la salute ed il benessere all’interno della struttura scolastica”

01 linee_guida_farmaci

-Protocollo di Intesa tra la Regione Umbria e l’USR – Umbria 2013-2016

02 protocollo_farmaci 2013- USR UMBRIA-REGIONE UMBRIA

Quando somministrare i farmaci a scuola

MALATTIE CRONICHE

Patologie che prevedono terapie di mantenimento

URGENZE PREVEDIBILI

Patologie croniche note che possono comportare fatti acuti (es. asma, diabete, epilessia)

Si somministrano i farmaci prescritti indicando orario, posologia e modalità di somministrazione

Si somministrano i farmaci prescritti descrivendo i sintomi che richiedono la somministrazione, la posologia e le modalità

All’art. 1 del Protocollo di Intesa tra la Regione Umbria e l’USR si specifica che “ la somministrazione dei farmaci a scuola secondo le modalità previste dal presente protocollo, riguarda i casi di “crisi convulsive”, “asma bronchiale”, “shock anafilattico”, “diabete giovanile”.

Le urgenze non prevedibili rientrano nelle procedure di Pronto Soccorso e non richiedono la somministrazione dei farmaci.

Iter procedurale/Modulistica

I genitori, o chi eserciti la patria potestà:

per attivare la procedura che autorizza la somministrazione dei farmaci durante l’orario scolastico, provvederanno a far pervenire al Dirigente scolastico formale richiesta sottoscritta da entrambi, come da allegato modulo, MODELLO B, corredata dalla prescrizione del medico curante (servizi di Pediatria delle Aziende Sanitarie, Pediatri di Libera del scelta e/o ai Medici di Medicina Generale) in cui siano chiaramente indicati i punti sotto riportati.

Nel rilasciare le autorizzazioni i Medici, tramite l’apposito modulo (MODELLO A), attenendosi ai criteri di:

  • assoluta necessità;

  • somministrazione indispensabile in orario scolastico;

  • non discrezionalità da parte di chi somministra il farmaco, né in relazione all’individuazione degli eventi in cui occorre somministrare il farmaco, né in relazione ai tempi, alla posologia e alle modalità di somministrazione e di conservazione del farmaco;

  • fattibilità della somministrazione da parte di personale non sanitario;

dovranno indicare indicato in modo chiaro e leggibile:

  • nome cognome dell’alunno;

  • patologia dell’alunno;

  • nome commerciale del farmaco;

  • dose da somministrare e modalità di somministrazione;

  • modalità di conservazione del farmaco;

  • durata della terapia;

  • effetti collaterali se di rilevanza in relazione alla somministrazione;

  • indicazioni operative per interventi ed eventuali specifiche somministrazioni per la prima gestione delle urgenze prevedibili per le singole patologie croniche;

  • capacità o meno dell’alunno ad effettuare l’auto-somministrazione del farmaco.

genitori inoltre:

– forniscono il farmaco alla scuola tenendo conto della data di scadenza;

autorizzano il personale individuato dal Dirigente alla somministrazione del farmaco

Il Dirigente Scolastico:

– organizza momenti formativi per l’intero personale scolastico in servizio al fine di informarlo sulla procedura di somministrazione farmaci messa in atto dall’Istituto;

– richiede alla famiglia dell’alunno che necessita di somministrazione farmaci in orario scolastico la documentazione necessaria;

– individua tra il personale chi, in caso di bisogno, deve intervenire con la somministrazione del farmaco,

– stende, in casi particolari, in collaborazione con l’Azienda USL del territorio un piano personalizzato d’intervento che descrive i comportamenti da attuare in caso di bisogno;

– informa e condivide con il personale scolastico disponibile a somministrare il farmaco il piano personalizzato di intervento;

– fornisce e condivide con i genitori copia del piano personalizzato d’intervento;

– garantisce la corretta e sicura conservazione dei farmaci e del materiale in uso

– in occasione dei passaggi ad altre scuole, invita i genitori dell’alunno ad informare il DS della scuola di destinazione e concorda la trasmissione della documentazione necessaria.

Il personale scolastico:

– partecipa ai momenti formativi/informativi;

– provvede alla somministrazione del farmaco se individuato dal Dirigente;

– informa il DS e il RSPP su eventuali situazioni critiche verificatesi durante la somministrazione del farmaco;

– compila la scheda riepilogativa sulle situazioni critiche verificatesi a scuola nel corso dell’anno scolastico.

L’Azienda USL:

– organizza la gestione dei casi attraverso incontri con le parti interessate dopo la segnalazione del Dirigente Scolastico;

– esprime pareri su richiesta del DS;

– si rende disponibile a partecipare ad incontri di formazione;

– fornisce il supporto nella redazione del Piano personalizzato d’intervento;

– partecipa all’aggiornamento periodico del Piano.

Auto somministrazione del farmaco da parte degli studenti

L’auto somministrazione del farmaco è possibile laddove l’alunno, per età, esperienza, addestramento, è autonomo nella gestione del problema di salute.

Nei casi in cui l’alunno minore, in relazione all’età abbia raggiunto una parziale o totale autonomia nella gestione della propria terapia farmacologica, d’intesa con il medico e la famiglia, è possibile prevedere l’auto-somministrazione.

  • Per poter soddisfare questa esigenza l’autorizzazione medica, oltre a tutti i punti per la somministrazione dei farmaci a scuola, dovrà evidenziare anche la capacità dell’alunno/a ad effettuare l’auto-somministrazione del farmaco sorvegliato o coadiuvato dal personale della scuola.

  • La stessa dicitura dovrà essere indicata anche nella richiesta che i genitori presenteranno al Dirigente Scolastico.

In caso di minori il genitore darà comunicazione al Dirigente Scolastico, anche in merito alle modalità di conservazione e alla scadenza del farmaco nel caso in cui la scuola lo conservi per l’alunno.

Gestione dell’emergenza: resta prescritto il ricorso al Servizio Territoriale di Emergenza (118) nei casi in cui si ravvisi l’insufficienza dei provvedimenti programmati dall’Istituto.

Integrazione tra diritto alla salute e diritto alla riservatezza

Nell’applicazione del presente procedimento, il trattamento dei dati personali e sensibili e tutte le azioni connesse alla somministrazione dei farmaci sono eseguiti nel rispetto della D. Lgs. 196/2003 e ss.mm.ii.

Il Dirigente Scolastico

Sandra Spigarelli

 

Modello A-prescrizione del medico curante alla somministrazione di farmaci in ambito scolastico

modello_A_somm_farm_medico2018

Modello B-richiesta di somministrazione di farmaci a scuola

modelloB_somm_farm_genitori2018